I ricercatori sviluppano accidentalmente un materiale che può aiutare a combattere la carenza d'acqua - Tecnologia emergente - 2019

212th Knowledge Seekers Workshop Feb 22 2018 (Luglio 2019).

Anonim

Cavitazione solvente sotto confinamento solvo-fobico in azione

Quando gli esperimenti scientifici non vanno come previsto, il risultato può essere devastante. Per il chimico Satish Nune, l'ingegnere David Heldebrant e il collaboratore di ricerca post-dottorato David Lao del Pacific Northwest National Laboratory (PNNL), tuttavia, il risultato è stato un materiale sbalorditivo che ha risucchiato l'umidità direttamente nell'aria.

Il materiale è costituito da nanoriodi solidi e ricchi di carbonio, che David Lao ha creato accidentalmente. Quando Nune iniziò a studiare il materiale, i nanorods persero peso con l'aumentare dell'umidità. Ha ipotizzato che la perdita di peso fosse dovuta a un errore nello strumento di analisi del vapore che stava usando, quindi ha posizionato il materiale sotto un microscopio ad alta potenza e ha dato un'altra occhiata.

In quel momento, Nune osservò un fenomeno noto come "captazione del solvente sotto confinamento fobico risolvente", che fa trasudare le piccole aste. Questo non aveva senso. E forse nessuno avrebbe creduto al risultato se i ricercatori non avessero rapidamente "registrato" e catturato un video dell'evento. Ma il fenomeno a cui hanno assistito non è del tutto inaspettato - in realtà è stato teorizzato 20 anni prima, secondo PNNL.

Nune e Heldebrant hanno pubblicato un articolo sulla loro scoperta sulla rivista Nature Nanotechnology questo mese.

Il video potrebbe non sembrare molto, ma la scoperta ha un grande potenziale nel mondo reale. "Ora che abbiamo superato lo shock iniziale di questo comportamento imprevisto, stiamo immaginando i molti modi in cui potrebbe essere imbrigliato per migliorare la qualità della nostra vita", ha detto Heldebrant in un comunicato stampa del PNNL.

Alcune di queste idee includono sistemi di purificazione dell'acqua per i paesi in via di sviluppo, raccolta di acqua a bassa energia per le regioni aride e tessuto anti-sudore che potrebbe aspirare il sudore ed espellerlo come vapore.

Prima che i ricercatori diventino eccessivamente zelanti, Nune sottolinea che hanno molto lavoro da fare per gestire il materiale e svilupparlo per applicazioni del mondo reale. "Prima di poter utilizzare questi nanorods, dobbiamo essere in grado di controllare e perfezionare la loro dimensione e forma", ha affermato.

Un quinto della popolazione mondiale vive attualmente in regioni che soffrono di scarsità d'acqua, secondo le Nazioni Unite. Un altro quinto vive in aree prive di infrastrutture necessarie per trasportare acqua pulita in modo sicuro. Ed è progettato solo per peggiorare.

C'è un grande bisogno di soluzioni a questo problema globale, e possiamo sperare che questi nanorods saranno in definitiva in grado di svolgere un ruolo nel fornire alle persone bisognose acqua adeguata. Nel frattempo, è fondamentale pianificare e finanziare progetti per risolvere la carenza idrica, un sorso alla volta.